IMG_6952Ecco un idea per passare in modo diverso e soprattutto piacevolmente una giornata anche piovosa. Una visita ad un museo insolito che piacerà a grandi e piccini!! Oggi parliamo del museo di Pietrarsa, museo posto nell’area dove erano collocate le antiche officine ferroviarie borboniche, prime officine ferroviarie delle Due Sicilie e dell’intera Penisola, nate nel 1840 per volere del re Ferdinando II di Borbone, area che inizialmente si chiamava “Pietra bianca”, e che dopo un’eruzione del Vesuvio che aveva portato la lava fino a quel punto della costa prese il nome di Pietrarsa.

Il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, si trova a Napoli, Traversa Pietrarsa e qui potete trovare giorni e orari di apertura.

La stazione di Ferrovie dello Stato Italiane interna al Museo è Pietrarsa – S.Giorgio a Cremano, è possibile acquistare il biglietto di viaggio su trenitalia.com, presso le biglietterie in stazione e alle self-service e vi segnalo che per chi raggiunge in treno metropolitano il Museo di Pietrarsa è previsto uno sconto di €. 1,50 sul biglietto intero di ingresso al Museo.

Per chi arriva in macchina vi é un parcheggio custodito a pochi metri dall’entrata. Prezzo settembre 2017 €. 2,50

Per quanto riguarda il biglietto di ingresso per il museo di Pietraia, abbiamo pagato 6 €.

Prezzi settembre 2017: 6,00€ intero – 4,50€ ridotto (convenzioni, under 18 e over 65) Ingresso con visita guidata: 8,00€ intero – 6,00ridotto (convenzioni, under 18 e over 65)

Vi era la possibilità con 2 euro in più a persona di fare un giro su un trenino elettrico, ovviamente pagano anche i bambini

L’ingresso è gratuito per minori sotto i 6 anni e per i visitatori diversamente abili e il loro accompagnatore (se normativamente previsto).

 

Io e Enzo eravamo già stati per l’inaugurazione ma l’ho trovato migliorato..ed a Andrea è piaciuto molto!!!

Che dire facilmente agevole anche con Sara che nel suo marsupio dopo un po si è anche addormentata :)